12 marzo 2021

Icona dell'hotel nel sonno di bellezza


Una volta che tutti gli ospiti invernali sono partiti, i preparativi per l'estate iniziano al Palace con la responsabile delle pulizie Michaela Gäng e il responsabile tecnico Konstantinos Georgantopoulos.

Gstaad Palace | L'hotel di lusso nell'Oberland Bernese ha detto addio alla mezza stagione. Ora le grandi pulizie e la ristrutturazione sono in corso - fino al ritorno degli ospiti tra tre mesi.

Due volte all'anno, Andrea Scherz combatte un tocco di malinconia. Ma non lo fa capire e saluta coraggiosamente gli ospiti. A marzo e settembre, l'hotel di lusso Gstaad Palace chiude le sue porte per circa tre mesi. Invece dei clienti svizzeri e internazionali in abiti firmati, la venerabile scena è dominata per settimane da uomini e donne in abiti da lavoro casual. Anche il capo si presenta al servizio in maglione e jeans. "C'è naturalmente un'atmosfera completamente diversa nell'hotel ora", dice Andrea Scherz, la terza generazione che gestisce l'hotel più famoso di Gstaad.

Gli ultimi ospiti invernali hanno lasciato il Palace la prima domenica di marzo, e le grandi pulizie sono iniziate il lunedì. "Cerchiamo negli angoli più nascosti", è così che Michaela Gäng descrive i primi dieci giorni di lavoro della mezza stagione. L'esperta governante generale della Franconia è a capo del personale di pulizia, che lavora ancora a pieno ritmo dall'inizio del periodo senza ospiti.

I rubinetti vengono disincrostati, la tappezzeria curata 30 membri del team sono impegnati nella pulizia di base delle 90 camere e suite, i cinque ristoranti, le sale pubbliche, la spa e le sei case dei dipendenti del Palace. I rubinetti vengono disincrostati, le tende sostituite, la tappezzeria curata, le macchie rimosse dai rivestimenti e i materassi puliti. Cuscini, piccoli mobili o soprammobili vanno in magazzino, e i mobili, alcuni dei quali sono di valore, vengono coperti. "Il Gstaad Palace è come una vecchia signora", dice Michaela Gäng. "Si toglie i vestiti, si lava i denti, si strucca, si lava e si infila la camicia da notte per il suo sonno di mezza stagione". L''hotel dalle iconiche torri ha 108 anni. "L'unico modo in cui la signora rimane in buona forma è se si guarda attentamente, e si continua a rinfrescare e rinnovare ", spiega la governante esecutiva. Durante la stagione, la squadra di Gäng non ha la possibilità di fare le grandi pulizie. "Puliamo ogni giorno, ma ci vogliono tre giorni e stanze libere per fare lo shampoo e asciugare un tappeto", dice Gäng. "Non vogliamo disturbare gli ospiti con il rumore o il trambusto". Chi paga in media 1200 franchi a notte per una camera non tollera alcun disturbo. "Inoltre, non possiamo davvero andare avanti finché gli ospiti non se ne sono andati", dice Konstantinos Georgantopoulos. Il direttore tecnico è responsabile della manutenzione, delle riparazioni e del rinnovamento del Gstaad Palace. Per il capo tecnico con radici in Grecia e in Baviera e la sua squadra di sei persone, il periodo più impegnativo dell'anno è iniziato. "La mezza stagione è ancora più impegnativa dei mesi con gli ospiti", dice Georgantopoulos.

"La situazione di Covid 19 complica la nostra pianificazione".

La sua squadra pulisce i condotti di ventilazione, sostituisce i filtri, converte i sistemi di illuminazione da alogeni a LED, sigilla i giunti e installa i pezzi di ricambio. Insieme ad artigiani esterni, realizzano anche conversioni; presto lo snack bar vicino alla piscina avrà una nuova cucina. "La situazione di Covid 19 complica la nostra pianificazione", dice il capo dei servizi di costruzione, "abbiamo bisogno di pezzi di ricambio per i vecchi radiatori - ma purtroppo questi sono bloccati in Francia".

Elettricista e idraulico di formazione, è arrivato a Gstaad la scorsa estate dal Badrutt's Palace di St Moritz. "Qui non c'è bisogno di spalare tanta neve in inverno come in Engadina", sorride il tuttofare. Invece, presto dovrà occuparsi dei quattro campi da tennis dell'hotel e della piscina esterna lunga 50 metri. "E al più tardi dieci giorni prima dell'arrivo dei primi ospiti, dobbiamo far funzionare l'hotel".

Il 18 giugno, la nobile vecchia signora dovrebbe essere riposata e rinfrescata per ricevere di nuovo gli ospiti individuali per la stagione estiva.

Un articolo di Christoph Ammann, Tages-Anzeiger

Newsletter